Dagli haiku a Whitman

Immagine 019.jpg

Dopo le letture e le composizioni di haiku ci esercitiamo con dei dettati: perché non leggere le poesie del grande W. Whitman? Ci possiamo esercitare anche con l’inglese, con il testo a fronte.

Poesia della Strada

A piedi e a cuor leggero me ne vado libero per la strada!…

Su andiamo non perdere tempo!

Lascia il foglio non scritto sul tavolo e il libro chiuso sullo scaffale!

lascia gli attrezzi nell’officina! Lascia che i soldi  non sian guadagnati!

Lascia la scuola! Non ascoltare le grida del maestro!

Che il predicatore predichi dal suo pulpito! Che l’avvocato arringhi nella corte e il giudice presenti la legge!

Ecco figliolo! Ti do la mano!

Ti do il mio amore, prezioso più del denaro,

Ti do me stesso, al posto di regole e prediche;

Ti darai tu a me? Vuoi venire in viaggio con me?

Resteremo fedeli l’un l’altro per tutta la vita?

Mon enfant!

I give you my hand!

I give you my love, more precious than money,

I give you myself, before preaching or law.

 

 

Annunci

Astronomia Montessori

Ho comprato il cofanetto delle edizioni Ippocampo Ragazzi sull’astronomia montessoriana: è davvero ben fatto, le carte, il quaderno delle costellazioni… Ci siamo divertiti a leggere informazioni sui pianeti e a trovare i cartellini delle carte mute. Costa 19.90 euro, lo trovate in libreria.

IMG_7850.jpg

Progetto didattico

Per questi mesi prima delle vacanze estive ho provato a fare un po’ il punto delle varie attività da fare: con la mia bimba di cinque anni abbiamo iniziato con il pregrafismo e le sillabe e vorrei anche arricchire le giornate con altre proposte manuali ma mirate a qualcosa di davvero gratificante per lei e non tanto per me (pericolo sempre in agguato: proiettare sui bambini ciò che è bello, giusto, fatto bene secondo noi, ma loro? che ne pensano davvero?)

Per il mio bimbo di nove anni invece vorrei strutturare la nostra tesina di fine anno che presenteremo all’esame. Credo che anche per quest’anno procederemo “a epoche”:  per alcune settimane ci concentreremo su italiano, geografia, scienze e poi riprenderemo gli altri ambiti, in alternanza.

 

Cellula e big bang

Nel lapbook Inside the Science (ed. Osbourne) ho trovato una pagina sulla cellula abbastanza esauriente:

 

IMG_7759

parlando poi degli animali e di come si sono sviluppati abbiamo ripreso la prima grande lezione montessori sull’origine della Terra e la comparsa dei viventi: eccoci alla prima pagina del lapbook.

IMG_7760

 

Scrivere temi e pensieri

Abbiamo iniziato a scrivere brevi temini: dopo la copiatura e il dettato il passo successivo è la composizione. Mi sono interrogata parecchio su come introdurre questo passaggio, perché la motivazione è sempre importante e imporre un “pensierino” da fare mi sembra controproducente per il bambino, che vive quest’attività come un’imposizione, appunto, e non comprende l’utilità o la finalità. Non è facile allenare alla scrittura, perché i bambini dovrebbero essere felici di cimentarsi con la composizione di testi, ma soprattutto all’inizio non è così. La scrittura resta comunque un’attività molto impegnativa e faticosa, che spesso finisce per essere “odiata” proprio perché imposta come compito obbligatorio.

Ho trovato su una bancarella a una fiera estiva questi quaderni:

IMG_7753

Sono testimonianze di temi svolti dai bambini in varie scuole. Ci sono anche varie pagine bianche dove poter scrivere. Ho così pensato di leggere qualche temino e analizzare come sono fatti.

IMG_7754

E poi ho proposto di provare a compilare quel foglio su un argomento semplice che possiamo esaurire in una pagina. Poi abbiamo letto qualche riga da I Buddenbrook, in cui Mann descrive i componenti della famiglia: tutti i dettagli sono descritti accuratamente: un conto quindi è scrivere “il papà era alto”, un altro è arricchire la descrizione con dettagli sul vestiario, il volto, l’atteggiamento.

Spero ritorneremo presto a quest’attività che ho impostato in modo un po’ tradizionale, ma mi sembrava il momento che, pur non obbligato a fare “temini”, il bambino sapesse  com’è strutturato un tema e come svolgerlo.

Perché l’homeschooling?

ed9c6746ce2ed338bda5be353b1d399fPerché ho scelto l’homeschooling?

Che tipo di homeschooling facciamo?

Due domande che trovano tantissime risposte e tutte diverse per chi voglia intraprendere il percorso dell’istruzione familiare. Non ci sono legittimazioni o rassicurazioni che potete trovare al di fuori di voi e della vostra situazione familiare. La difesa di questo diritto è contenuta nella nostra Costituzione: un diritto da valorizzare e difendere da parte di tutti, anche dei genitori che scelgono la scuola, perché significa diritto alla libertà di scelta sull’educazione dei propri figli.

Se decidete di intraprendere l’homeschooling credo che non ci siano ricette o strategie efficaci per tutti.

Ho avuto la fortuna di iniziare a lavorare con i bambini molto presto, mentre continuavo con gli studi. Non è stato facile ma mi ha permesso di avere un bagaglio di esperienze nel settore educativo e di perfezionarmi nello studio. Avere dei figli è stato come la continuazione di tutto ciò che avevo fatto in precedenza, perché il mio lavoro e i miei interessi mi hanno aiutato molto anche nel “lavoro” di genitore.

Questo percorso di istruzione familiare è per me fonte di apprendimento continuo e sono felice di vedere i progressi di giorno in giorno. La scelta dell’istruzione familiare non è quella di costituire una scuola privata parentale: perché l’homeschooling non è  un’ “entità” a cui appellarsi o un ente a cui appartenere. E’ semplicemente la scelta di istruire i figli a casa. Una scelta privata, estremamente individuale, che dev’essere ben ponderata confrontandosi con la propria famiglia.

Durante il nostro percorso di istruzione familiare ho avvertito la necessità di confrontarmi con varie realtà, figure professionali diverse: pedagogisti, pediatri, docenti,  madri che scelgono la scuola. Ho trovato  molti spunti utili e soprattutto sono stata rafforzata nella mia scelta.

Non ho l’obiettivo di diffondere l’homeschooling, che è una decisione privata e intima, ma di offrire una testimonianza onesta sulla nostra esperienza e anche un sostegno didattico alle famiglie, un sostegno fondato sulla mia esperienza lavorativa con i bambini, sul nostro homeschooling, sui miei studi, sulle collaborazioni di professionisti.

Giornate d’inverno

IMG_7703

In queste giornate invernali oltre a fare sport all’aria aperta, continuiamo con le nostre attività: abbiamo ripreso l’analisi grammaticale, ripartendo dal racconto del paese di grammatica che ho trovato in “la pappa dolce”, il sito di inesauribili materiali per la didattica. Abbiamo anche iniziato l’apprendimento della letto-scrittura con il metodo sillabico: quest’approccio è più intuitivo e più divertente rispetto a quello seriale, che useremo più avanti.

Devo poi scrivere il libriccino sulla classificazione degli animali: spero di poterlo rendere disponibile a breve.

Il lago vicino casa era ghiacciato: potrebbe essere un buon esempio degli stati dell’acqua e un’occasione per riprendere il ciclo dell’acqua che avevamo affrontato già anni fa.

A presto!