Smettere di insegnare

Tra le riflessioni che fluiscono veloci mentre penso a ciò che vorrei proporre ai miei bimbi, le letture notturne per capire di più e la ricerca continua per riuscire ad abbandonare schemi rigidi e sterili, un pensiero prende forma in modo sempre più nitido: smettere di insegnare, di porsi come educatori, dismettere atteggiamenti di infinita presunzione con i bambini. Il condizionamento sociale è tale che rende i genitori impotenti di fronte alla crescita dei propri figli: i genitori perdono la fiducia in se stessi, sino ad auto-convincersi che per il bambino stesso sia più sano e più formativo restare lontano da casa già in tenerissima età, per imparare, per il suo “bene”. Penso a fratelli che conducono vite parallele, ognuno in classi diverse, forse anche in scuole diverse, con diverse insegnanti e che possono coltivare la loro crescita comune nel finesettimana. Penso a genitori che pur avendo il tempo e la possibilità sono convinti di non potersi occupare personalmente della crescita dei figli. Ciò genera una spirale di sensi di colpa, scarsa autostima, aggressività: è questo il mondo che vogliamo abitare?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...