Dislessia, disgrafia, discalculia?

Si sente parlare sempre più spesso di disturbi dell’apprendimento: dislessia, disgrafia, discalculia. Sono DSA, e sempre più figure (psicologi, pediatri, logopedisti, terapisti) attorniano i bambini colpiti da questi disturbi. Ma io mi chiedo da un po’: esistono davvero questi disturbi?

Se la scuola è un luogo in cui il bambino è costretto a stare seduto per ore e ore, dove non esiste un approccio integrato dell’apprendimento, ossia il corpo e la mente restano nettamente separati, dove la relazione con l’altro è solo una relazione di tipo autoritario e gerarchico, i programmi sono uguali per tutti, con tempi uguali per tutti…. è davvero possible parlare di disturbi in contesti simili? O disturbato è forse il contesto?

Pubblicato da Marica Costigliolo

"I leave a white and turbid wake; pale waters, paler cheeks, where' er I sail. The envious billows sidelong swell to whelm my track; let them; but first, I pass." H. Melville

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: