Etichette

Il rapporto di parentela genera un ruolo che diventa una sorta di rendita vitalizia: ossia il fatto di essere “papà” o “mamma” sembra dare il diritto di essere amati a prescindere da ciò che una persona fa in concreto.

Un bambino “deve” voler bene alla mamma, allo zio, alla cugina, indipendentemente da ciò che questi sono o fanno.

Ciò porta al mito della “famiglia” che costruita su diritti acquisiti e sovente mai guadagnati, è in realtà un “piccolo inferno” per dirla a là Dostoevskij. E i bambini vengono lasciati  alla mercé di cattiverie di adulti mascherati dietro le etichette parentali, che garantiscono di un affetto che può anche non esserci per nulla, o peggio essere un sentimento negativo o distruttivo.

Come dice il detto: “Avere un bambino non fa di te un genitore, più di quanto avere un pianoforte non fa di te un pianista.”

 

Pubblicato da Marica Costigliolo

"I leave a white and turbid wake; pale waters, paler cheeks, where' er I sail. The envious billows sidelong swell to whelm my track; let them; but first, I pass." H. Melville

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: