Vittime di scuola

Proliferano in questi giorni di inizio scuola le notizie di maltrattamenti da parte di maestre sui bambini.

Sulle pagine di cronaca arrivano i casi più estremi e ciò ci fa pensare che il problema si riduca a questi, mentre non si comprende che sono solamente la manifestazione di un contesto che produce violenza psicologica: punizioni, umiliazioni, classificazioni, potere incontrollato, incompetenza, frustrazioni.

Il docente che usa violenza fisica è una persona che non riesce a fermare l’esercizio del suo  potere sui bambini entro limiti che sono solitamente accettati, ma non per questo meno pericolosi o dannosi. Si pensi alla diffusa tolleranza delle piccole prepotenze quotidiane di alcuni bimbi su altri, agli appellativi spesso usati dalle maestre come “pigro”, “distratto”, “lento” per classificare un bimbo davanti a tutta la classe.

Il problema non è risolvibile sino a che non ci si renderà conto che i casi di violenza fisica poggiano su un fondamento di violenza psicologica quotidiana su cui si regge tutto l’odierno sistema scolastico.

Pubblicato da Marica Costigliolo

"I leave a white and turbid wake; pale waters, paler cheeks, where' er I sail. The envious billows sidelong swell to whelm my track; let them; but first, I pass." H. Melville

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: