Premi e punizioni

Photo by rawpixel.com on Pexels.com

“Nella classe c’è il maestro faccendiere, che travasa le nozioni nelle teste degli scolari. Per riuscire nella sua opera è necessaria la disciplina dell’immobilità, dell’attenzione forzata nella scolaresca; e al maestro conviene poter maneggiare con larghezza i premi e i castighi, onde costringere a tale attitudine, coloro che sono condannati ad essere i suoi ascoltatori. Invero oggi si è convenuto di abolire le bacchette e l’abitudine delle percosse: come pure si è resa meno vistosa la cerimonia delle premiazioni, altro puntello alla scuola decadente approvato e ribadito dalla scienza.

Questi premi e questi castighi, mi si permetta l’espressione, sono il banco dell’anima, cioè lo strumento di schiavitù dello spirito; soltanto che qui esso non è obbligato ad attenuarne le deformazioni, ma a provocarle. Il premio e il castigo sono una spinta verso lo sforzo, e allora non possiamo certo parlare di svolgimento naturale del fanciullo.” 

Pubblicato da Marica Costigliolo

"I leave a white and turbid wake; pale waters, paler cheeks, where' er I sail. The envious billows sidelong swell to whelm my track; let them; but first, I pass." H. Melville

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: