La rete

Qualche giorno fa una ragazza, durante un seminario, ha manifestato le sue perplessità su internet: è facile costruire un’identità parallela, addirittura un profilo professionale, basato su follower, like ecc. Si arriva così a un corto circuito: i personaggi virtuali sono talmente fittizi che nella realtà è evitata accuratamente ogni condivisione autentica, se non per postare foto in internet a rinforzo del proprio personaggio.

Così, nel mondo dell’educazione, la rete funziona come una grande vetrina, la funzione cooperativa è totalmente abbandonata. In questo caso è importante distinguere tra prodotto e servizio. Quest’ultimo è fondato sulle competenze reali (il così tanto bistrattato curriculum…), a costi accessibili e all’interno di un progetto coerente. Il prodotto è un oggetto in vendita, senza un’impostazione progettuale, un oggetto che è ben confezionato per attirare compratori, appunto.

Nella rete tutto è triturato e sminuzzato, ricomposto e ri-immaginato: la ragazza che manifestava il proprio sconcerto per le relazioni sociali inficiate dall’uso scorretto della rete, mi ha fatto pensare.

Pubblicato da Marica Costigliolo

"I leave a white and turbid wake; pale waters, paler cheeks, where' er I sail. The envious billows sidelong swell to whelm my track; let them; but first, I pass." H. Melville

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: