Natura, l’altro, l’essenza

Secondo il filosofo Martin Buber, l’esperienza non ci dice molto del mondo in cui siamo: infatti è un’azione del soggetto, agita o subita, qualcosa in cui il mondo “non ha parte dell’esperienza”.

Per entrare in relazione con il mondo, secondo Buber, vi sono tre sfere. Attraverso la natura, attraverso l’altro, e attraverso le essenze spirituali: ma la relazione è in primo luogo reciprocità. “Il mio tu opera su di me, come io opero su di lui. I nostri allievi ci formano, le nostre opere ci costruiscono. Il “malvagio” diventa rivelatore, se toccato dalla santa parola fondamentale. Come veniamo educati dai bambini, dagli animali! Imperscrutabilmente inclusi, viviamo nella fluente reciprocità dell’universo”.

Pubblicato da Marica Costigliolo

"I leave a white and turbid wake; pale waters, paler cheeks, where' er I sail. The envious billows sidelong swell to whelm my track; let them; but first, I pass." H. Melville

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: