Matematica

Per l’apprendimento della matematica si possono individuare due linee da seguire: una pratico-attiva, una logico-speculativa. Per la prima è importante favorire l’osservazione della natura, del proprio corpo, del cielo, degli oggetti per far notare al bambino che il numero è presente nella vita quotidiana. Imparare a contare sulle dita, esercitarsi a contare i propri passi, sono esercizi che aiutano a concretizzare l’idea di numero.

La logica può essere sviluppata sia con i materiali montessoriani, come le tavole della moltiplicazione e della divisione, ma anche con esercizi steineriani. Sull’apprendimento della matematica, la pedagogia Waldorf non introduce alcun materiale specifico, come nel metodo Montessori, perché secondo il metodo Steiner i materiali impoveriscono la capacità del bambino di astrarre e quindi di operare in modo logico-induttivo. Vi sono alcune fiabe steineriane sulle quattro operazioni molto carine: comunque sia Montessori sia Steiner concordano sull’importanza di introdurre concettualmente le quattro operazioni nello stesso periodo, senza distanziare troppo l’apprendimento.

Sicuramente gli innumerevoli esercizi della psicoaritmetica della Montessori sono utili soprattutto per un primo approccio alla matematica: in particolare le perline e l’abaco sono molto funzionali per comprendere, ad esempio, il sistema decimale.

Nel contempo si può procedere con esercizi di logica, con l’ausilio di esercizi e problemi via via più complessi.