Utopia e realismo? Il problema della felicità a scuola

Si parla in queste ore di felicità a scuola. I bambini sono felici a scuola. Tutti, proprio tutti. Anche in questo momento di paura, di mascherine, di disinfettanti, di distanze. Sono felici. Allora penso a parole che risuonavano qualche tempo fa. Se cambiare la scuola (la scuola in “piena tensione rivoluzionaria“, non la scuola di adesso) fosse utopia o fosse un’azione di realismo. Riporto qui un estratto.

Utopia questa, di attaccare, agendo nel suo interno un’istituzione [la scuola], la cui logica, ragioni, e inerzia sono tali da macinare, attutire e livellare tutto, senza contare i condizionamenti che pone, pesanti e mutilanti; qui si aggiunge un altro pericolo, che è di essere sempre più sospinti verso il negativismo, la distruzione, la politica del peggio e della merda, senza una positività che sola può coinvolgere e mobilitare. Realismo invece sarebbe quello di un impegno alternativo non castrato né frustrato dal confronto e ingabbiamento nella struttura scolastica sostenuta dal potere.

Secondo noi, tuttavia, tra le due possibilità non c’è esclusione… Vi è una questione che realmente accomuna le tue scelte, e cioè che ambedue esigono alla base la presenza e la partecipazione di coloro che sono esclusi dal potere. Si tratta allora di formulare un’ipotesi su questo interesse alla scuola da sovvertire, da pensare e volere per sé, sapere se le masse vogliono, date certe condizioni, rifiutare la scuola così come la tiene in piedi il potere e prendere su di sé come soggetto attivo il compito di una scuola altra. Nell’uno e nell’altro caso questa volontà è condizione essenziale, data la quale le categorie utopia-realismo non avrebbero più senso, poiché un utopia realizzata è sommamente realista, e un realismo in tensione rivoluzionaria vale 1000 utopie.   

E. Fachinelli

Pubblicato da Marica Costigliolo

"I leave a white and turbid wake; pale waters, paler cheeks, where' er I sail. The envious billows sidelong swell to whelm my track; let them; but first, I pass." H. Melville

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: